Mercoledì
14 Ottobre

Alla ricerca di
Vivien Maier

Serata promossa in collaborazione con il
Club Cinefotografico Fiorenzuola nell’ambito
di PHOTO ’15 / Il tempo dello sguardo

Proiezione unica ore 21.00
Ingresso libero


alla-ricerca-di-Vivian-Maier-2013-john-maloof-charlie-siskel-01

Nel 2007 John Maloof era un giovane filmaker, fotografo e storico di belle speranze il cui sogno era scrivere un libro sulla storia del suo quartiere di Chicago, il ricco sobborgo di Highland Park, quello che ospita alcune delle più note case di Frank Lloyd Wright. Con questo in mente, ha acquistato all'asta una scatola piena di negativi non ancora sviluppati, sperando di trovare del materiale utile al suo scopo. Quello che ha trovato è una delle più straordinarie collezioni fotografiche del XX secolo: migliaia e migliaia di rullini, in bianco e nero e a colori, che una volta sviluppati hanno dato corpo a una miniera fotografica di inestimabile valore. La proprietaria di quei negativi era una donna sconosciuta, di nome Vivian Maier, scomparsa nel 2009, che per tutta la vita aveva fatto la tata ma che, a tempo perso, senza neanche svilupparle, aveva scattato migliaia di foto. Oltre a scattare foto con la sua Rollelflex, la donna girava video in Super8 e 16mm, arrivando anche a sperimentare la narrazione in macchina, senza mai mostrare a nessuno il frutto di questo suo segreto talento. Era una formidabile fotografa di strada, ma lo sapeva solo lei. Maloof, dopo averne sviluppato le foto, è rimasto ossessionato dal segreto di questa donna, tanto da cercare di ricostruirne la storia. Il film è il risultato di questo lavoro, ottenuto incrociando le testimonianze di chi l'ha avuta come tata.

a47fef579b0991e39228d350a094ac90